Monday, June 9, 2008

Troncare o suddividere una superficie

Le superfici troncate a volte sono un po' "delicate", poiché, una volta tagliate, alcuni comandi non si possono applicare sui loro bordi tagliati. Alcuni comandi utili per creare o mantenere la continuità, come _MatchSrf (CombinaSrf ) o _Symmetry (Simmetria) diventano inservibili.

Una possibile soluzione, se appropriata alla situazione, sarebbe annullare il taglio (_Untrim; AnnullaTaglio) del bordo tagliato e quindi suddividere la superficie (_Split; Suddividi) usando l'opzione Isocurva dalla linea di comando. Questa opzione consente di mantenere la stessa struttura geometrica della superficie. Attivando i punti di controllo (F10), vedrete che tutti i punti giacciono sul bordo della superficie. Potete cancellare la parte suddivisa della superficie che non desiderate ed usare qualsiasi comando sulla superficie risultante!

Thursday, June 5, 2008

Barra degli strumenti "Controlli organici" - Capitolo 2

Nel capitolo 1, abbiamo visto come comprimere/espandere punti che si trovano su entrambi i lati rispetto all'origine (PianoC o Assoluto). Se i punti non rispondono a questa sistemazione, i pulsanti non funzioneranno come previsto.

Facendo Maiusc+clic destro su ciascun pulsante, vedrete che si tratta di semplici macro che usano il comando _Scale1d e l'origine come punto di riferimento. Affinché funzionino quando i punti si trovano da una parte o dall'altra rispetto all'origine, potete usare quindi il comando _Scale1d, considerando come origine il punto medio tra i punti rispetto a cui si desidera comprimere o espandere e come fattore di scala uno dei punti selezionati.

Barra degli strumenti "Controlli organici" - Capitolo 1

La barra degli strumenti "Controlli organici" è un piccolo strumento interessante che consente di spostare gli oggetti su ciascuna vista, nella direzione corretta (x,y,z). In questo modo, non dovrete preoccuparvi di assicurarvi di aver attivato la finestra corretta, come invece succede quando usate la combinazione Alt+tasti direzionali.

Questa barra degli strumenti contiene vari pulsanti che indicano la direzione dello spostamento da applicare agli oggetti (direzione X, Y o Z, su o giù, ecc.) Troverete questa barra nell'elenco delle barre strumenti che appare facendo clic destro in una delle aree grigie dell'interfaccia.

Essa è particolarmente utile nelle operazioni di editing di punti. A mio parere, i pulsanti migliori sono "Comprimi lungo..." o "Espandi lungo...", che consentono di spostare 2 o più punti in modo equidistante, nella direzione opposta o gli uni verso gli altri. Occorre assicurarsi che i punti da comprimere/espandere si trovino su entrambi i lati rispetto all'origine.

Modalità di visualizzazione UV superfici

In Rhino 4.0, possiamo impostare alcuni parametri per gli oggetti superfici e polisuperfici, in modo tale che ne siano visibili le direzioni U e V, applicando una modalità di visualizzazione nuova o modificata ad una vista oppure ai singoli oggetti tramite il comando ImpostaModVisualizzOggetto.


















Per creare una nuova visualizzazione wireframe che mostri le direzioni U e V, si apra la scheda Opzioni > Aspetto > Impostazioni avanzate. Dall'elenco delle modalità di visualizzazione, selezionare WireFrame e fare clic sul pulsante Copia, nella parte inferiore della scheda. La modalità di visualizzazione Wireframe corrente verrà replicata e si potranno visualizzare i controlli di questa nuova modalità. Il nome della nuova modalità si può cambiare a piacimento. Dalla visualizzazione ad albero dei controlli della modalità di visualizzazione sulla sinistra, selezionare Oggetti>Superfici. Nella scheda delle superfici, andare su 'Impostazioni isocurve superfici'. Il settaggio predefinito è "Usa colore oggetto". Dall'elenco a discesa, selezionare l'opzione 'Usa colori UV specificati'. In questo modo, si visualizzeranno i campioni di colore per U e V: fare clic sui campioni per accedere alle finestre di dialogo dei selettori dei colori ed impostare i colori desiderati. Le altre modalità di visualizzazione che mostrano le isocurve delle superfici si possono modificare usando lo stesso parametro dei controlli di una specifica modalità di visualizzazione.


Apportare tutte le modifiche desiderate alla modalità di visualizzazione ed uscire dalle Opzioni. La nuova modalità di visualizzazione apparirà di default nell'elenco dei menu di scelta rapida dei titoli delle viste, in modo tale che si possa impostare questa modalità per una vista intera e, inoltre, potrà essere usata dal comando ImpostaModVisualizzOggetto, che imposta la modalità di visualizzazione degli oggetti selezionati nella vista attiva. Una modalità di visualizzazione personalizzata può essere salvata andando alla scheda Opzioni > Aspetto > Impostazioni avanzate, selezionandola dall'elenco e quindi facendo clic sul pulsante Esporta.